Imbal… lata Arcisate: è semifinale!!!

azzo
9 maggio 2019

La squadra di Scaroni inizia la sfida al meglio resta sempre avanti e chiude la serie sul 2-0.

Con 36 punti Azzola decisivo ma tutta la squadra offre una prova di altissimo livello.

COPERTURE ALLUMINIO ARCISATE vs IMBAL CARTON PREVALLE 77-94 (20-32. 40-53. 61-77).
Arcisate: P. Bellotti 5, Lepri 9, Giglio 5, Bolzonella 2, Clerici 10, L. Bellotti 15, Florio 13, Bergamaschi 5, Tonella 10, Fiamberti 3. Allenatore: Bianchi.
Prevalle: De La Cruz 9, Lanfredi 12, Brunelli, Delibasic ne, Raskovic 23, Scekic 8, Saresera 6, Porretti, Scazzola, Azzola 36. Allenatore: Scaroni.
Arbitri: Vanzini di Milano e Marchesi di Tirano.

L’Imbal Carton Prevalle concede il bis e sul campo di Gazzada stende definitivamente al tappeto (94-77) un Arcisate che per 40 minuti ha invano inseguito la squadra di coach Scaroni. Decisa nell’approccio iniziale, incontenibile offensivamente e tatticamente messa in campo alla perfezione, la squadra bresciana ha dominato la scena per l’intera partita conquistando una semifinale, forse inattesa ad inizio stagione, ma per quanto finora visto meritatissima.

Certo i 36 punti di Azzola ed i 23 (con 9 rimbalzi) di Raskovic balzano all’occhio, ma la sapienza di Lanfredi (12 punti e 4 assist), la crescita di Scekic (8 punti e 11 rimbalzi), l’utilità di Sarasera e De La Cruz danno l’idea di un complesso costruito e amalgamato alla perfezione dal nocchiero prevallese e pronto a stupire ancora. Dopo due minuti di assaggio, Prevalle affonda per prima i colpi con Azzola e De La Cruz, dalla distanza risponde Fiamberti per i padroni di casa, ma Lanfredi lo ripaga con la stessa moneta per il 9-5 esterno del 4’. È partita dai ritmi alti, con gli attacchi subito accesi e con Prevalle che sullo slancio va sul 20-12 al 7’. Azzola e Raskovic trascinano i compagni,ma è il chirurgico Lanfredi a piazzare la tripla che fa volare in doppia cifra il vantaggio ospite che sulla sirena del primo quarto De La Cruz incrementa: 32-20 al 10’.

La tripla di Azzola in avvio di secondo parziale conferma la pericolosità offensiva dei bresciani (6/10 fino a questo punto da tre) e costringe coach Bianchi a cercare le contromisure in un immediato time out, in uscita dal quale però è Sarasera a mettere la settima e lo stesso Azzola l’ottava tripla per il 43-26 del 15’. Ci provano Clerici e L. Bellotti a tener in partita l’Arcisate, sfruttando il bonus favorevole e qualche rallentamento ospite, contenendo così sul 53-40 il vantaggio esterno del 20’.

La ripresa.I 3 falli di De La Cruz ed i 2 di Lanfredi ed Azzola preoccupano Scaroni, privo di Delibasic, buon per lui che l’attacco varesino fatichi di suo e quando Tonella e Clerici alzano la mira Scekic e Lanfredi rispondono prontamente: 49-67 al 25’. Il gioco da 3 di uno scatenato Azzola firma un nuovo massimo vantaggio esterno (51-70 al 27’) sul quale la panchina varesina spende un disperato time out. Arrivano poi il +21 prevallese e la reazione dell’Arcisate sul finale di quarto: 77-61 al 30’.

I biancoverdi locali iniziano l’ultimo parziale con 5 falli in 2 minuti, coach Scaroni fiuta il pericolo e chiama il time out sul 65-81 del 34’. Ci pensa Raskovic a tenere a debita distanza Arcisate e quando al 38’ L. Bellotti mette la tripla del -13, memore di quanto successo in gara-1, è la saggezza di coach Scaroni ad indicare in un tempestivamente perfetto timeout la retta via per la meritata semifinale.

Categorie