PIZZI E’ TROPPO FORTE PER QUESTO PREVALLE

masca_pressato
4 novembre 2019

di Claudio Canini. È sempre inchiodato a 4 punti in classifica il Prevalle, stavolta incapace di resistere all’avanzata del Pizzighettone che lo affonda in casa. La compagine di Giubertoni continua invece la marcia nella fascia alta della classifica, con una sola sconfitta a rovinare il quadro. Decisive ancora l’assenza di Raskovic e la condizione ancora lontana dalla sufficienza per il “debuttante” Azzola, che fanno sentire la loro mancanza in una fase offensiva che non decolla mai. Le prime azioni della serata sono già di marca cremonese, anche se la resistenza di Scekic e Delibasic tiene a galla i padroni di casa che restano a contatto nei primi 5′ di gioco (7-9).

La spinta di Mascadri regala anche alcuni fasi di vantaggio al primo quarto, ma gli 8 punti collezionati da Lugic negli ultimi minuti costano già due possessi di svantaggio ai bresciani quando suona la prima sirena (16-21 al 10′). Al rientro cambia il copione ma non la differenza canestri, con Bergamo e Severgnini sorprendere la difesa di Adami. Al 14′ lo svantaggio si assesta già sul -10 (20-30) e a seguire la reazione di Azzola e Delibasic rilancia il gioco, che però al 20′ offre lo stesso risultato -10 (34-44).

Dopo la pausa lunga si vede una fase in cui la difesa casalinga diventa protagonista, ma ancora una volta la scialuppa di salvataggio viene lanciata da Lugic. Le sue giocate, unite a quelle di Gerli, bastano per allungare ancora, mentre le offensive del Prevalle sono costrette spesso a schiantarsi sul ferro. Al 27′ è -15 (38-53) e da questo momento Mascadri e compagni sembrano non riuscire più a innescare nessun parziale. Ogni tentativo si schianta sulla difesa del Pizzighettone, che invece tiene il ritmo fino al 40′ e chiude sul definitivo 66-80. BRESCIAOGGI

Categorie

Categorie